Ci siamo! Si lavora!

15 settembre 2015 ,

Ore 5 del mattino; il sole piano piano illumina sempre più la nostra tenda e gli uccelli cantano come per ringraziarlo di questo nuovo sorgere.Si cerca di dormire ancora un po’ ma piano piano l’interno della nostra tenda si fa sempre più caldo , tanto chè nel giro di un ora siamo  costretti ad uscire.
Apro la tenda ed esco. Vedo Mark che è già sveglio e lo saluto con un buongiorno a 32 denti.
Mi chiede come è stata la notte; e io gli rispondo: fresca.
L’erba è ricoperta di brina , e io sono a piedi nudi. Strana-fredda sensazione mai provata prima in vita mia; ma mi sento a mio agio, come un vero selvaggio, finché mio fratello non mi rimprovera con le sue paranoie. ‘Non camminare scalzo perché siamo in Australia!
Ovviamente le rispondo che qui è la normalità e lo fanno tutti.
Facciamo una breve colazione con della frutta e cereali; e mentre Simo(mio fratello) chiacchiera con Mark e Marta io faccio un giro di perlustrazione.
A primo impatto sembra un accampamento nomade;  ci sono resti di  fuochi spenti e rifiuti vicino alle tende e ai van.Molti sono gli escrementi di mucca nel prato, tantochè devo fare  attenzione a non calpestarli. Difatti do un occhiata in lontananza e noto del bestiame libero al pascolo.
Più avanti scorgo il fiume e delle persone con un look molto hippy che mi salutano con un tipico ‘Morning’.
Il campo è grande e affollato , ma non c’è molto ,nemmeno i bagni.
Finita la piccola esplorazione; torno alla mia postazione e Mark e Marta ci danno uno strappo alla Farm.
Compiliamo il contratto e siamo subito pronti per lavorare.
Ad accoglierci come ben arrivati troviamo un supervisore: Jerry.
Ci da l’equipaggiamento; e in 5 minuti ci spiega tutto quello che dobbiamo sapere:
-La paga è per kg , e dipende dal raccolto settimanale.
-In bassa stagione pagano fino a 10 dollari al kg, mentre in alta si scende fino a 3.
Quindi più si è veloci e più si guadagna.
-L’orario di lavoro può cambiare di giorno in giorno.
Questo dipende se nella notte ha piovuto o la brina ha bagnato molto la frutta; per questo ogni mattina alle 7  bisogna chiamare un numero , dove una voce registrata vi da il buongiorno e comunica l’ora d’inizio.
-Arrivate tardi o ‘volete prendervi un day off ?’ Non c’è problema, nel secondo caso non dovete nemmeno avvisare.
-Solitamente si lavora  anche 10 ore al giorno ma siete liberi di andare a casa quando volete.
-Tutto chiaro?
Gli rispondiamo di si e ci lascia da soli.Iniziamo.
Le ore passano in fretta e le 5 del pomeriggio arrivano in un batter d’occhio. Non siamo molto veloci e finiamo con circa una ventina di kg; ma Mark e Marta ci dicono che è normale come primo giorno e di non preoccuparci…
Torniamo a ‘casa’ un po’ stanchi ma senza stress.
Ci laviamo con la Solar shower, (doccia da campeggio),e iniziamo a cucinare.
Il tempo di goderci il tramonto sul fiume ed è già buio pesto.
Finito di mangiare ci prepariamo per andare a letto.
Alzo lo sguardo al cielo e vedo uno spettacolo senza precedenti in vita mia.
La volta celeste è piena di stelle , e più la si osserva e più ne compaiono.
Mi volto dal lato opposto e vedo anche la via lattea per la prima volta in vita mia, chiamo Simo e anche lui rimane sorpreso dalla magnificenza di questo cielo.
Guardiamo l’ora e sono solo le 10! ma è già tardi se si pensa che dobbiamo svegliarci alle 6!
Salutiamo Mark e Marta e andiamo a dormire!

1 Response

Lascia un commento